Festa dei nonni: Perchè oggi?

Oggi è il 2 ottobre, la festa dei nonni.
Ma perché si festeggia oggi?
Il 2 ottobre, è la data in cui la chiesa cattolica celebra gli Angeli custodi.
Negli Usa è stata introdotta nel 1978, durante la presidenza di Jimmy Carter su proposta di Marian McQuade, una casalinga del West Virginia, madre di quindici figli e nonna di quaranta nipoti.

Qualcuno disse: “l’unica cosa importante quando ce ne andremo sono le tracce d’amore che avremo lasciato”.

Sono sicura infatti che molti di noi non possono non pensare ai propri nonni senza sorridere, anche se a volte si rischia di sorridere con malinconia per qualcosa che si è perso.
Perfino google celebra questo giorno con un doodle:
image

image

I nonni hanno una caratteristica che emerge fra tutte:
Ti amano e fin da bambino ti fanno sentire protetto.
Certo, su una cosa non transigono: devi finire il piatto di pasta!

“Hai mangiato tutto?”
“Tieni questo è un regalino”
“Quando io e tuo nonno ci siamo conosciuti…”
“Ai miei tempi…”

Abbracci infiniti, canti e balli assieme, sorrisi, libri di fiabe, lei con il grembiule che portava in tavolo tesori a cui tu, anche se avevi mangiato un barattolo di nutella, non potevi rinunciare.
Sono tanti i ricordi per chi ha avuto o ha la fortuna di conoscere dei nonni magnifici, sono genitori con i quali non si litiga. E con la loro saggezza ci insegnano l’amore.
Per questo dedico questi semplici ma bei versi, a tutti i nonni. Ricordando alla società la loro importanza, oggi come sempre.

NONNI, UN GRANDE DONO

 

Se mamma non ha tempo di darvi sempre retta,
se anche il vostro babbo è sempre un po’ di fretta…
Sappiate, ciò succede in tutte le famiglie:
son tante le incombenze e il tempo spesso stringe.

Il lavoro, la famiglia, pulire e cucinare…
E il compito difficile di accudire e di educare.
E’ scomodo punire ed essere severi,
ma a loro tocca oggi… A noi nonni è toccato “ieri”.

Adesso i nostri compiti son molto differenti:
saremo disponibili, amorevoli e accoglienti.
Dedicheremo tempo ad ascoltarvi e consolarvi,
se avrete un dì un problema noi potremo anche aiutarvi.

Con noi voi scoprirete il meccanismo delle cose,
insieme le giornate non saranno mai noiose.
Saremo in vostro aiuto con saggezza ed esperienza
ed ogni spiegazione vi daremo con pazienza.

Potremo anche insegnarvi i tanti nomi delle piante,
di storie ne sappiamo e ne inventeremo tante.
Faremo insieme l’orto, pianterem delle verdure,
potremo anche raccogliere le fragole mature.

Faremo un bell’impasto e inforneremo un grande pane,
ne mangeremo tanto, finché passerà la fame.
Poi canteremo insieme, imparerete antichi balli
e ci scateneremo in un frenetico alligalli.

Con voi ci sentiremo meno adulti e più bambini
e costruiremo case con coperte e con cuscini.
Potremo organizzare se volete anche una gita,
vi insegneremo inoltre anche i valori della vita.

Andremo ad osservare in uno stagno dei girini,
avremo tanto tempo anche per coccole e bacini.
Se il cuore avrete in pena, venite senza indugio,
il nostro grande abbraccio potrà essere un rifugio.

Se squillerà il telefono e ci direte “Ti voglio bene”,
saremo meno soli anche quando non siamo insieme.

 

Serena Riffaldi

P.s Per i miei nonni
Ovunque voi siate, sappiate che vi amo.

RagazzaRosa