Oggi la pancetta è out, ma nel rinascimento saresti stata bellissima: I diversi canoni di bellezza nella storia!

Il concetto di bellezza è davvero soggettivo; non solo può cambiare da persona a persona ma anche da epoca in epoca! Andando in giro per la rete mi è saltato agli occhi uno studio fatto attraverso un video da Buzzfeed riguardo il mutamento dei canoni estetici nella storia.  Volevo riproporlo, in quanto lo trovo molto interessante, soprattutto per quelle donne che si piacciono poco, così da rendere evidente quanto il concetto di bellezza possa diventare anche opposto da un’epoca all’altra, e che di oggettivo c’è davvero poco. Quindi cercate di rendervi felici non di rendere felice la società.

Tutte le modelle sono prive di accessori, ma con indosso un costume bianco, mettono in risalto con le loro differenti fisicità i diversi modelli di bellezza femminile via via apprezzati in epoche completamente differenti.


Il video inizia con il prototipo di bellezza egiziano: corpo esile, spalle strette, e un volto simmetrico.

Ma ad esempio se pensiamo a ciò che disse Blaise Pascal sul naso di Cleopatra,

Se il naso di Cleopatra fosse stato più corto, sarebbe cambiata l’intera faccia della terracleoPATRA

o se diamo un’occhiata a questa moneta che la raffigurava, ci rendiamo conto che colei che più di tutte rappresentava la bellezza egiziana non aveva un profilo perfetto!

image

L’antica Grecia invece ha un modello basato su un corpo paffuto e pienotto, con pelle chiara.

Essere magri era sinonimo di malattia e povertà, e ad essere emaciati erano i vecchi, gli ubriachi, i curvi e i calvi. Inoltre nella pittura murale greca e romana l’invidia (personificata dalla dea Phthonos) veniva ritratta spesso come una vecchia molto magra.
image
La Dinastia Han  risalente al 206 aC-220 dC esaltava una vita sottile, pelle pallida, occhi grandi e piedi piccoli.

dinastia han

Completamente diverso il Rinascimento italiano, dove l’ideale di donna aveva il seno ampio, la pancia arrotondata, fianchi larghi e pelle chiara.
image
Simile a quello rinascimentale, ma fondamentalmente più sodo, non grasso ma formoso, era il modello Vittoriano risalente al periodo  che va dal 1837-1901.
image
Negli anni 20 si abbandonano le forme opulente legate alle necessità “riproduttive” e al modello di donna “a clessidra” aiutato allora dai corpetti, tipico dell’era vittoriana, e si passa al corpo snello, privo di riferimenti alla maternità.
image

Poi la figura a clessidra torna fondamentale nell‘epoca d’oro di Hollywood risalente agli anni 1930 – 1950. Pensiamo alla nostra Marilyn Monroe, formosa fino a risultare accattivante, le cosiddette maggiorate!
image
Con l’arrivo degli anni sessanta, la bellezza era il magro slanciato con gambe lunghe, ben rappresentata dalla top model Twiggy Lawson.
image
Negli anni ottanta l’altezza diviene caratteristica necessaria per la bellezza, anche se il detto “il vino buono è nelle botti piccole”, continua a consolare molte di noi piccole venere!
image
Tossica ma chic è invece l’ideale degli anni novanta, una bellezza androgina, slavata, con un corpo molto sottile, pelle chiara quasi trasparente.
image
Ai giorni d’oggi la donna deve essere magra ma formosa, con pancia piatta, seno e sedere grandi e sodi.

Poi però cerchi di capire come fare ad abbinare una quarta a un fisico magro e ti rendi conto che puoi risponderti per la maggior parte dei casi  con la chirurgia plastica! È di moda inoltre il “thigh gap”, che in italiano significa “spazio o varco tra le cosce”.
image
Insomma dato che non si può di sicuro piacere a tutti ed essere belle in ogni epoca, alla fine ciò che conta è piacersi!

xoxo Ragazzarosa

  • https://raccontidalpassato.wordpress.com/ Dama Con il Cappello

    La bellezza è come sempre un fattore soggettivo 🙂
    Molto bello questo post !

    • http://ragazzarosa.wordpress.com ragazzarosa

      capita infatti di pensare che qualcuno sia bello e essere magari smentita da altri che pensano il contrario! ☺ grazie

      • https://raccontidalpassato.wordpress.com/ Dama Con il Cappello

        Vero, specialmente quando si tratta di me, io amo gli uomini secchi e i palestrati mi fanno cagare.

        • http://ragazzarosa.wordpress.com ragazzarosa

          Ahah…io quelli con la pancetta e l’aria da intellettuale! Vedi un pò come siamo messi!

  • http://larelladisofia.wordpress.com Larelladisofia

    Post molto interessante!
    http://Larelladisofia.com